Federalismo, Riforme istituzionali, Enti Locali

Disposizioni in materia di “province”

Cosa succede alle Province? I risultati confusi del governo Monti e …..   del Governo Letta.

La questione della soppressione delle province è stata oggetto di un grande dibattito basato, principalmente, sulla necessità di ridurre i costi della politica.

In realtà, anche uno Studio dell’Università Bocconi (1) conferma che il costo delle province è relativo e che la loro soppressione, con l’attribuzione delle funzioni ai comuni, non comporterebbe risparmi di spesa.

Inoltre, oggi i piccoli comuni non sono nelle condizioni di svolgere le competenze e le funzioni attualmente esercitate dalle province come, ad esempio, la manutenzione delle strade, la gestione degli edifici scolastici delle scuole superiori, i centri per l’impiego.

E’ sicuramente necessario arrivare ad una razionalizzazione, non solo per ridurre i costi ma soprattutto per una più efficiente gestione delle risorse pubbliche ma a ciò si può arrivare ridisegnando la complessa materia dei livelli di governo territoriale.

E, anche su questo punto, la Lega Nord ha una propria proposta.

Ma, vediamo quali norme disciplinano la materia.

 

Scarica tutto il documento

 

SENATO FEDERALE

SINTESI: per cambiare il Paese è necessario riformare le istituzioni. Perciò, una delle riforme indispensabili è la creazione del Senato Federale e cioè di una “Camera” che rappresenti gli enti territoriali e garantisca che le Regioni e le autonomie locali possano partecipare direttamente alla costruzione delle scelte politiche generali.
Inoltre, bisogna superare il bicameralismo perfetto in modo che Camera dei Deputati e Senato federale abbiano competenza legislativa su materie diverse.

Scarica tutto il documento

Federalismo Demaniale

La realizzazione del federalismo fiscale rappresenta una delle battaglie del nostro Movimento.

Un primo passo è stato compiuto con l’approvazione, durante la XVI legislatura, della legge 5 maggio 2009 n. 42 “Delega al Governo in materia di federalismo fiscale, in attuazione dell’articolo 119 della Costituzione”, grazie all’impegno del Ministro per la semplificazione normativa Roberto Calderoli e del Ministro per le riforme per il federalismo Umberto Bossi.

Scarica tutto il documento

Riduzione del numero dei parlamentari.

SINTESI: La Costituzione, agli articoli 56 e 57, stabilisce che i Deputati sono 630 e i Senatori 315. Quindi, su circa 60 milioni di abitanti, il Parlamento è composto da 945 eletti a cui si aggiungono i senatori di diritto e a vita.

Se si vuole davvero semplificare e snellire l’apparato burocratico, rispondere prontamente alle esigenze del Paese, intervenire sui costi della politica, allora, una seria riforma della Costituzione deve prevedere una riduzione del numero dei parlamentari.

 

Scarica l'intero documento

Eliminazione delle Prefetture

SINTESI: Il Prefetto è un organo periferico dell’amministrazione dello Stato che dipende gerarchicamente dal Ministero dell’Interno.
In un processo di riforma del Paese in un’ottica federalista, le competenze delle Prefetture - UTG devono essere trasferite alle Regioni,  agli Enti Locali o ad altri organismi o istituzioni (ad es. le Camere di commercio).

 

Scarica l'intero documento

 

 

Dipartimenti - Macroregione news

 

 

 

 

 

Lega Nord Padania, via Carlo Bellerio, 41 - Milano - Copyright © 1997-2017 Tutti i diritti riservati. CF 97083130159