On. Grimoldi (lega nord) -  referendum. Riforma toglie competenze risorse a regioni e enti locali per darle a Stato. Cittadini avranno meno possibilità di controllare come vengono spesi i soldi e avranno meno servizi sul territorio

29 novembre - Negli ultimi due anni le Regioni e gli enti locali, pur continuando a erogare i sevizi hanno avuto risparmi per 10 miliardi, mentre lo Stato ha aumentato la sua spesa di ben 87 miliardi, eppure con questa riforma costituzionale si tolgono competenze e risorse alle Regioni e agli enti locali per centralizzare tutto, questo significa un inevitabile aumento degli sprechi a livello centrale e minor possibilità di erogare servizi per le Regioni e gli enti locali, a cominciare da competenze in materie delicate e fondamentali quali la sanità, le infrastrutture o l'energia.
Se tutte queste competenze, e le relative risorse, vengono centralizzate allo Stato significa che ci saranno meno possibilità per i cittadini di controllare come vengono spesi i loro soldi versati con le loro tasse, meno servizi sui territori e ulteriori maggiori sprechi per uno Stato che ha già ampiamente dimostrato la sua disorganizzazione e la sua inefficienza nel gestire le risorse e limare gli sprechi.

Lo dichiara l'on.Paolo Grimoldi, deputato della Lega Nord e segretario della Lega Lombarda

2 per mille

 

 

 

 

Lega Nord Padania, via Carlo Bellerio, 41 - Milano - Copyright © 1997-2017 Tutti i diritti riservati. CF 97083130159