Calderoli. Immigrati. Marina libica conferma che navi ong sono in contatto con trafficanti. Basta, fermiamole

10 giugno 2017 - Quello che ci era stato anticipato in audizione al Senato dai magistrati delle procure siciliane oggi viene confermato dalla Marina libica: alcune navi delle ONG stazionano nelle acque libiche in attesa dei gommoni carichi di clandestini perché sono in contatto diretto con i trafficanti di uomini. Queste navi sono complici dell'invasione che stiamo subendo e sono responsabili per il reato di immigrazione clandestina,  oltre che delle stragi per i naufragi avvenuti nelle ultime settimane. Ora basta,  fermiamo queste navi, con le buone o anche con le cattive se occorre, fermiamo il traffico di esseri umani, fermiamo l'invasione. 

 
Lo afferma il sen. Roberto Calderoli, vicepresidente del Senato e responsabile organizzazione e territorio della Lega Nord

 

 

 

 

 

Lega Nord Padania, via Carlo Bellerio, 41 - Milano - Copyright © 1997-2017 Tutti i diritti riservati. CF 97083130159