Calderoli. Violenza sessuale, in Italia 15 stupri ogni giorno. Ma cosa aspettiamo a introdurre la castrazione chimica? Uno stupro su tre commesso da immigrati

 01 settembre 2017 -  I dati forniti dal Viminale sui reati sessuali commessi in Italia sono terrificanti.

Nei primi sei mesi del 2017 sono stati denunciati 2400 casi di violenza sessuale (e il dato è pressoché uguale nel primo semestre del 2016), ma ovviamente sono molti di più considerando l'alta percentuale di reati non denunciati dalla vittima.

In circa 180 giorni significa una media di 15 casi di violenza sessuale ogni giorno. 

Ma cosa aspettiamo a modificare le nostre norme del codice penale, aumentando le pene previste per chi commette reati sessuali e soprattutto introducendo la misura aggiuntiva della castrazione chimica?

Emerge poi un altro dato, coincidente nel primo semestre sia del 2016 che del 2017, ovvero che circa il 35% delle violenze sessuali viene commesso da immigrati, quest'anno 900 casi su 2400.

Anche qui una riflessione: gli immigrati, regolari o no, sono circa il 10% dell'attuale popolazione italiana, eppure oltre un terzo degli stupri li commettono loro: solo chi volutamente indossa il paraocchi, come la Boldrini o le donne della sinistra, non può non rendersi conto che gli immigrati hanno portato ad un'impennata di stupri.

 

Lo afferma il sen. Roberto Calderoli, vicepresidente del Senato e responsabile organizzazione e territorio della Lega Nord

2 per mille

 

 

 

 

 

Lega Nord Padania, via Carlo Bellerio, 41 - Milano - Copyright © 1997-2017 Tutti i diritti riservati. CF 97083130159