Calderoli. Attentato New York. Dolore per vittime, ma tra un mese o due terrorismo islamico colpirà ancora, lo sappiamo tutti e non facciamo niente

01 novembre 2017 - Dolore per le vittime e i feriti di New York. Ma purtroppo nessuna sorpresa. Il terrorismo islamico colpisce ormai ogni mese e dunque era solo questione di tempo. A chi tocca la prossima volta? Di nuovo all'Europa?

Tanto siamo sicuri che colpiranno di nuovo, con un furgone, con i coltelli, con un ordigno esplosivo, urlando il solito Allah Akbar. 
Abbiamo in casa un nemico dichiarato che continua a farci la guerra in nome di uno Stato che non esiste, un nemico che continua a colpirci al cuore e lo fa senza nessun preavviso. 
Un nemico che cresce nelle nostre comunità islamiche, tra silenzi e coperture, nelle Banlieu, a Molenbeek, nelle periferie di Londra, Stoccolma, Nizza o Barcellona, nelle moschee ricavate da cantine o garage, dove in tanti sanno e nessuno denuncia.
Andiamo avanti così, tanto tra un mese ci colpiranno di nuovo, lo sappiamo tutti, ma non facciamo niente...
 
 
Lo afferma il sen. Roberto Calderoli, vicepresidente del Senato e responsabile organizzazione e territorio della Lega Nord

2 per mille

 

 

 

 

 

Lega Nord Padania, via Carlo Bellerio, 41 - Milano - Copyright © 1997-2017 Tutti i diritti riservati. CF 97083130159