Bolkestein: lega, governo abbandona balneari

ROMA, 21 GIUGNO - "La Bolkestein sta soffocando il settore del turismo e in particolar modo quello dei balneari, con 30.000 imprese e 300.000 addetti che si trovano in seria difficoltà e rischiano di chiudere dall'oggi al domani. Come abbiamo detto in più di una occasione, l'Unione europea ancora una volta si dimostra cieca e agisce come un blocco unico, che non riesce a capire le specificità di ogni Paese che ne fa parte".

Lo sottolineano i senatori della Lega Nord Gian Marco Centinaio e Paolo Arrigoni. 

" Il governo non ha alcuna intenzione di dare certezze alle  imprese balneari e bocciando la nostra mozione mette nero su bianco tutta la propria inadeguatezza nel sostegno delle piccole e medie imprese del turismo. Pensiamo - spiegano i senatori leghisti - che l' unica possibilità di accordo sia quella di impegnare il Governo a una proroga di 30 anni per le concessioni in essere. Non proponiamo nulla di nuovo, ma seguiamo il buon senso e l'esempio di Paesi europei con un boom turistico impressionante come Spagna e Portogallo. La penisola iberica da anni ha risolto i problemi legati alle concessioni impegnandosi così nello sviluppo dell'offerta. In Italia invece gli operatori sono limitati da una burocrazia asfissiante e vivono nell'incertezza di poter fare investimenti visto che - concludono Centinaio e Arrigoni - da un giorno con l'altro potrebbero chiudere". 

 

 

Simbolo Europee 2019

 

 

Lega Nord Padania, via Carlo Bellerio, 41 - Milano - Copyright © 1997-2019 Tutti i diritti riservati. CF 97083130159