Banche: busin, no a decreto che uccide sistema produttivo e risparmiatori

Roma, 29 giu.- “Dal provvedimento sulle banche popolari al bail-in, fino a quest’ultimo orrore, il governo Renzi, in materia bancaria, ha dato il peggio di se. Noi diciamo no a un decreto superficiale, estemporaneo che non individua le cause del dissesto del sistema creditizio e indebolisce ulteriormente il sistema produttivo”. Così il deputato della Lega Nord Filippo Busin in dichiarazione di voto. “Una crisi – continua - riconducibile alle direttive della Bce e dell’Ue e ad un governo di incompetenti che prima ha assecondato il fallimento delle 4 banche, violando il diritto dei risparmiatori di avere salvaguardati i propri soldi e poi ha proposto un’umiliante corsa ad ostacoli con misure di compensazione irrazionali e non giustificate. Renzi - conclude Busin - non ha tutelato l’interesse nazionale e soprattutto non ha difeso le risorse del paese come i risparmiatori e piccole aziende dalla miope e cinica politica dei burocrati di Bruxelles perché il suo è un governo formato da rappresentati politici pieni di inutili idealismi e spesso collusi con i poteri forti della finanza internazionale”.

 

Simbolo Europee 2019

 

 

Lega Nord Padania, via Carlo Bellerio, 41 - Milano - Copyright © 1997-2019 Tutti i diritti riservati. CF 97083130159