Camera: Fedriga a Boldrini, parlamento non è sede PD

Roma, 3 nov. – “Il parlamento non è la stanza della Boldrini. E’ vergognoso che la presidente della camera consideri l’aula una sede del PD o della maggioranza. Ed è inaccettabile che il 7 novembre l’incontro con i sindaci venga trasformato nel solito teatrino che china il capo al suo volere ideologico. In un momento delicato come questo ci saremmo auspicati un’iniziativa che affrontasse il dramma del terremoto e della prevenzione. E invece la Boldrini decide di  inserire nell’evento un tema di divisione come quello dell’accoglienza dei clandestini, oltretutto facendo parlare esclusivamente esponenti del PD.  La presidente della camera dimentica che l’aula parlamentare, da sempre luogo di democrazia e pluralismo, non può essere utilizzata come esclusivo megafono delle politiche pro clandestini di Renzi e Boldrini. Dall’incontro con i sindaci si elimini la parte dell’accoglienza e si discuta invece in maniera costruttiva su come fornire risposte rapide e concrete a tutti i concittadini che in una notte hanno perso tutto”. 
 
Lo dichiara Massimiliano Fedriga, capogruppo della Lega Nord a Montecitorio.

 

Simbolo Europee 2019

 

 

Lega Nord Padania, via Carlo Bellerio, 41 - Milano - Copyright © 1997-2019 Tutti i diritti riservati. CF 97083130159